testata
Sei nella sezione: Natura e Ambiente/Orso

commenta questo articolo

Amore sconfinato e furia selvaggia


“Non so bene perché, ma c’è qualcosa nell’orso che induce ad amarlo” scriveva il celebre romanziere James  Oliver Curwood oltre un secolo fa…

Ma le ragioni profonde di quest’attrazione si celano nel cuore stesso dell’uomo che sappia ascoltare i molteplici, profondi richiami della Natura: e chi ha vissuto lungamente accanto ai grossi plantigradi, pacifici d’indole ma strenui combattenti per necessità, lo sa bene. Proviamo un poco a scoprirle.
Forse a delineare meglio il carattere speciale dell’orso non è stato un biologo specializzato, ma uno storico umanista dall’ampia visione come Franco Cardini: “L’Orso è forse l’animale rispetto al quale l’uomo avverte maggiormente la sua posizione contraddittoria nei confronti del mondo animale – scriveva nel 1986 – una duplice apparenza di energia guerriera e d’affetto fraterno”… e continuava: ”L’orso è feroce, eppure è simpatico: e nelle sue movenze ricorda spesso l’uomo”. Tutto vero, verissimo: ma c’è persino di più. Perché quell’orso talvolta allegro e curioso, talaltra burbero e pronto a scatenarsi, rappresenta in realtà lo “specchio” dell’uomo stesso; capace di esprimere qualità eccelse e armonie superiori, ma anche di perdere la calma ed aggredire l’avversario in un delirio di furia incontenibile.
Una differenza sostanziale tuttavia resta, e l’osservazione più attenta della vita del plantigrado ce la conferma senza margini di dubbio. Un orso può difendere duramente il proprio territorio, il proprio cibo e magari la tana: e ancor più selvaggiamente, mamma orsa è pronta ad affrontare qualsiasi nemico pur di proteggere i propri cuccioli inermi, distratti e un po’ pazzerelloni. Tuttavia non va oltre e, ben consapevole dei propri limiti e del proprio ruolo, non compie “delitti gratuiti” né attenta mai all’equilibrio della natura. Perché sa, intende e ricorda, e porta scolpito nello stesso patrimonio genetico, che è proprio dalla natura che la sua vita, e quella della sua prole, dipendono. Una verità molto semplice, che l’intelligentissimo Homo Sapiens  sembra però stenti parecchio ad accettare. L’aveva perfettamente intuita la scrittrice svedese Selma Lagerlof all’inizio del secolo scorso, allorché nel suo famoso romanzo Viaggio meraviglioso di Nils Holgerssons attraverso la Svezia affermava sconsolatamente per bocca di mamma orsa: “Non resta più una sola tana d’orso in tutta la foresta… Credo che gli uomini vogliano restare soli sulla terra!”, concludendo poi: “Allora, anche se non ci si nutre che di fragola, di formiche e di vegetali, non si ha più neppure il diritto di vivere nella foresta”.
Quando l’uomo comprenderà il male che sta facendo alla natura, e quindi anche a se stesso, sarà forse troppo tardi. E il nostro Paese, che nei sondaggi figura spesso come il più desideroso di proteggere l’ambiente, con un Parco d’Abruzzo e il suo Orso marsicano in cima ai pensieri di tutti, non è certo da meno. Vorrebbe atteggiarsi ad arcangelo, intrepido difensore delle creature minacciate, ma è invisibile nei fatti, perché si impegna solo in diluvi di parole. Ambirebbe attrarre visitatori ed ospiti d’alto profilo, ma poi ha orecchio soltanto alle chiacchiere di basso livello, e svende senza esitazione il patrimonio più prezioso. Per puntare all’ecosviluppo e all’ecoturismo più sani, non basta qualche spot pubblicitario. Servirebbero idee, ispirazione e coraggio; occorre apertura culturale, coerenza e forte capacità di rompere certi schemi retrivi, che tutto soffocano e fanno languire. Basterebbe un fremito di vento, un’onda nascente capace di crescere e scatenarsi contro gli oltraggi alla natura, per sconvolgere ogni ostacolo e trascinar via tutte le brutture, facendo aprire gli occhi allo splendore che fiorisce ancora attorno a noi. Ma per ora ben poco sembra muoversi, la calma piatta domina fino all’orizzonte, e non si scorgono molti segni concreti di speranza per l’orso né per gli altri animali, nostri sfortunati compagni di viaggio.
La saggezza e il realismo restano scolpiti nelle parole del vecchio capo pellerossa Dan George, affezionato alla propria terra e legato al passato della sua gente: “Oggi lo spirito del grande orso è scomparso da gran parte della nostra terra, ma al tempo dei nostri nonni aleggiava dovunque, e tutti lo rispettavano perché più forte e potente di ogni valoroso guerriero. Qui, dove vive ancora, lo spirito del grande orso riempie la terra… Io prego nel mio cuore per il suo futuro.”
Ma c’è ancora qualcuno che vorrà ascoltare questa dolorosa preghiera, che è anche un cantico di speranza per l’avvenire di tutti gli esseri viventi?
Franco Tassi
Terra d’Abruzzo, anno III N° 7

HANNO DETTO


“Pescasseroli e i suoi dintorni destarono particolare interessamento, così per la bellezza naturale della regione come per la sua importanza zoologica, a causa dell’orso bruno che fa razza nelle sue montagne, il quale ora, tolta la riserva reale, è purtroppo minacciato di rapida distruzione.”
(Benedetto Croce, 1921)

“Senza tale istituzione (il Parco Nazionale) la razza del pacifico carnivoro d’Abruzzo che, innocuo eremita, vive i suoi giorni solitari negli annosi boschi della Marsica, sarebbe definitivamente scomparsa.”         
(Erminio Sipari, 1926)

“La seconda riserva reale di caccia… ebbe termine con il 31 dicembre 1912. Da allora l’orso e tutti gli altri animali della zona (camoscio, capriolo, istrice, ecc.) furono abbandonati al loro destino che, fin dall’inizio, si palesò veramente tragico. Basti dire che il giorno successivo, e precisamente il 1° gennaio 1913, uno stuolo di sedici cacciatori, provenienti non solo dalla Marsica, ma anche dalle città di Roma e di Napoli, e armati di fucili perfezionatissimi, abbattè niente meno che quindici camosci sui 40-45 che ancora esistevano, e numerosi orsi, senza contare molti altri animali.”
(Lino Vaccari, 1941)

“Amici abruzzesi, dovete salvare a tutti i costi il vostro Parco. Le schioppettate, i lacci dei bracconieri continuano il loro sterminio. Si sono accordati diabolicamente, questi mezzi distruttivi, con l’accetta e con la sega. Come potrà sopravvivere l’orso, al quale viene tolto l’habitat?”
(Renzo Videsott, 1947)

“L’orso è anche un’avventura, favola, leggenda, continuazione di una vita antichissima, scomparsa la quale ci sentiremo tutti un poco più poveri e più tristi.”
(Dino Buzzati, 1948)

“Sarebbe bello, credo, se assieme alle ultime tracce lasciate dall’uomo sulla terra, si potessero riconoscere anche le ruvide impronte del grande e fiero orso delle nostre montagne.”
(Earl Fleming, 1958)
“Per questo è falso e sbagliato credere che un parco, un faggio o persino un orso non servano alla società umana e che difendendo i primi si possa danneggiare o  trascurare la seconda: e sarebbe ridicolo contrapporre, in sciocca antitesi, conservazione e progresso. Ma è vero proprio il contrario: e non si capisce che, quando questo uomo irresponsabile, egoista e sciocco avrà annientato in modo definitivo la natura, da cui egli proviene, avrà in fondo ucciso irrimediabilmente anche se stesso.”
(Franco Tassi, 1971)

“Se l’orso scompare, scompare il nome d’Abruzzo dalle grandi enciclopedie mondiali, dai testi di storia naturale, dai pieghevoli pubblicitari.”
(Renato Caniglia, 1973)

“Il grizzly, custode del mondo selvaggio, è anche un rivelatore dell’integrità biologica dell’uomo, della sua capacità di vivere e lasciar vivere. è terrificante, imprevedibile, gentile, sconcertante, pericoloso e splendido, come una divinità. Forse è davvero una divinità, o una sua espressione.”
(Sid Marty, 1978)

“Una verità fondamentale sull’orso è che esso non si trova mai troppo lontano dal suo prossimo pasto.”                            (Earl Gustkey, 1983)

“Gli orsi, trovandosi all’apice della catena alimentare, sono formidabili barometri della residua capacità di recupero del pianeta… dove vivono ancora, possiamo tirare un sospiro di sollievo, perché almeno quel frammento di pianeta è ancora realmente vivo e in buona salute.”
(Lance Olsen, 1988)

 

Le stagioni dell’orso


Inverno bianco e silenzioso: al riparo nella  tana mamma orsa mette al mondo i suoi cuccioli: esserini piccolissimi che pesano appena qualche centinaio di grammi, non vedono né sentono, né sono ancora protetti dalla  pelliccia. Non importa, si ripareranno in quella folta e calda della madre, che li lecca, li protegge e li allatta, consumando così il grasso accumulato durante l’autunno.
Vedere mamma orsa che allatta i suoi cuccioli stringendoli a sé è uno spettacolo straordinario, sembra quasi una tenera madre con i propri bambini. E quegli orsacchiotti sono molto golosi e affamati, ma succhiano un latte  speciale, molto ricco e nutriente. In poco tempo li farà crescere forti e robusti.
A primavera inoltrata l’orsa accompagna i cuccioli fuori dalla tana, ma non li abbandona un attimo e li seguirà ancora per quasi due anni. Dovrà insegnar loro moltissime cose, soprattutto come evitare i pericoli e trovare il cibo: sul terreno, sollevando le pietre e i tronchi marci, sugli arbusti e sotto gli alberi da frutta. E se un orsacchiotto è imprudente, mamma orsa lo fa rotolare lontano con un energico scappellotto.
Col passar dei mesi, inizia l’esplorazione di un territorio più vasto, e in piena estate la madre e i figli, ormai grandicelli, frequentano nuovi ambienti. Come ad esempio le anse dei torrenti, dove l’orsa insegna pazientemente ai giovani come catturare le guizzanti trote.
Quando qualcuno le si avvicina troppo, invadendo il suo territorio, mamma orsa diventa minacciosa e aggressiva. Ma se poi vengono minacciati i cuccioli, allora si trasforma in  guerriera feroce e implacabile: impossibile fermarla. La carica dell’orsa furibonda in difesa della prole era in passato quella più temuta da ogni cacciatore: assai peggio di quella dell’elefante e del rinoceronte, del leone e della pantera… Se un delizioso cuccioletto s’avvicinasse a noi curioso e giocherellone, sarebbe meglio cambiare strada.
Se l’orsa non riesce a raggiungere il cibo posto troppo in alto, può capitare persino che induca il cucciolo a salirle sul groppone per afferrarlo. Eccoli all’attacco del formaggio che adorano, il caciocavallo, che il pastore ha collocato ad asciugare sul muretto dello stazzo tra i monti.
L’orso è assai simile all’uomo, ma può possedere anche uno spirito romantico che ammira la natura? Narrano le leggende dei nativi nordamericani d’un grosso plantigrado solitario che, nei pomeriggi più tranquilli, emergeva dal bosco più fitto per contemplare il tramonto…

'orso';